Ripple ha cercato di accordarsi con la SEC prima della causa, senza successo

58
0

Dopo che la causa sui titoli della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti e la dichiarazione di Ripple divennero note, inizialmente era tranquillo in entrambi i campi. Tuttavia, il CEO di Ripple Brad Garlinghouse e il consigliere generale Stuart Alderoty hanno rotto il silenzio e hanno risposto ad alcune domande sulla causa SEC tramite Twitter.

Garlinghouse ha scritto che non avrebbe “contestato le accuse non provate della SEC su Twitter” perché, “come puoi immaginare, ci sono nuove considerazioni su ciò che può / dovrebbe essere detto pubblicamente dopo l’inizio del processo di contenzioso”. Tuttavia, ha affermato di voler affrontare “5 questioni chiave”.

Tra questi c’era il motivo per cui Ripple non si è accordato in anticipo con la SEC. In un tweet, Garlinghouse ha fatto riferimento al tentativo di Ripple di risolvere la causa, affermando :

Non posso entrare nello specifico, ma sappi che abbiamo provato – e continueremo a provare con la nuova amministrazione – per risolvere questo problema in modo che la comunità XRP possa continuare a innovare, i consumatori siano protetti e i mercati ordinati siano preservati.

Per quanto riguarda la via da seguire, Garlinghouse ha rivelato che “stanno succedendo molte cose dietro le quinte” e una risposta alla causa sarà presentata “nelle prossime settimane”. Alderoty ha aggiunto:

A tutti coloro che chiedono aggiornamenti sulla causa SEC: nessuna sorpresa, il processo legale richiede tempo! Possiamo essere tranquilli ma non siamo inattivi. Il nostro team legale completo si annuncerà a breve e presenteremo la nostra risposta iniziale alle accuse non dimostrate della SEC entro poche settimane.

Allo stesso modo, Garlinghouse ha commentato se gli investitori hanno perso fiducia in Ripple a seguito dell’azione della SEC. Il CEO di Ripple stava presumibilmente affrontando le preoccupazioni di alcuni membri della comunità che temono un domino iniziale nella causa di Tetragon contro Ripple per il rimborso di azioni. BG ha ribattuto che, tuttavia, in risposta al voto di fiducia, “Sì, abbiamo azionisti reali”.

Ripple ha pagato exchange e partner?

A parte questo, BG ha anche chiesto se Ripple ha pagato gli exchange per elencare XRP e quando gli exchange inizieranno a offrire di nuovo XRP per il trading ai clienti statunitensi. Il Garlinghouse ha negato la prima domanda, dicendo che la sua azienda non ha “alcun controllo su” dove è stato elencato XRP.

Garlinghouse ha risposto indirettamente alla seconda parte della domanda dicendo che “la maggior parte” delle borse ha solo sospeso le negoziazioni. Di conseguenza, si può presumere che qualsiasi ripresa delle negoziazioni da parte delle borse interessate non si verificherà fino a quando la SEC non avrà emesso una decisione finale.

Inoltre, Garlinghouse non ha rivelato alcun segreto quando ha scritto che Ripple ha offerto incentivi sotto forma di pagamenti ad alcuni partner, come MoneyGram , per adattare On-Demand Liquidity (ODL) e XRP. Il CEO di Ripple ha scritto in un tweet:

Abbiamo fornito ad alcuni clienti, in particolare first mover, incentivi per utilizzare ODL: si tratta di costruire una rete di pagamenti 101 (e totalmente legale). Ogni rete di pagamento (PayPal, Visa, MC, ecc.) Ha o utilizza ancora incentivi.

Abbiamo costruito un prodotto che è il PRIMO nel suo genere: l’integrazione di nuove infra comporta dei costi. ODL con XRP risolve problemi reali in termini di costi, velocità e regolamento e questo è stato dimostrato per miliardi di dollari.

Fonte: crypto-news-flash


 
Prova il Trading Bitcoin di eToro
TradingMania.it
Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here