Categorie: Forex trading
| On 4 mesi fa

Trump chiama Bitcoin una truffa

di TradingMania.it
Condividi

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha definito Bitcoin (BTC) una truffa. Trump ha detto questo mentre è stato intervistato da Fox News ieri.

“Bitcoin, sembra solo una truffa […] Non mi piace perché è un’altra valuta in competizione con il dollaro. In sostanza, è una valuta in competizione con il dollaro. Voglio che il dollaro sia la valuta del mondo, è quello che ho sempre detto”, ha affermato l’ex presidente.

Non è la prima volta che Donald Trump fa commenti negativi su Bitcoin. Nel luglio 2019, mentre era in carica, Trump ha dichiarato di non essere un fan di Bitcoin e criptovalute. All’epoca, l’ex presidente identificò la volatilità dei prezzi come un punto importante per la sua posizione anti-criptovaluta affermando che le criptovalute non erano denaro e che il loro valore si basava sul “nulla”.

L’amministrazione Trump ha specificamente cercato di mettere in atto politiche anti-criptovaluta, con l’ex presidente, che avrebbe detto all’ex segretario al Tesoro Steve Mnuchin di “andare dietro a Bitcoin”. Il Dipartimento del Tesoro, negli ultimi giorni dell’amministrazione Trump, ha escogitato regolamenti volti a monitorare i portafogli self-hosted. La politica è stata ulteriormente ampliata dall’amministrazione Joe Biden, con l‘Internal Revenue Service (IRS) che cerca anche di colmare le scappatoie fiscali legate alle criptovalute.

Tuttavia, i membri del Congresso pro-criptovaluta come la senatrice Cynthia Lummis e il rappresentante Warren Davidson continuano a difendere i diritti alla privacy dei portafogli di criptovalute. La conversazione sulle normative sulle criptovalute negli Stati Uniti sembra essersi spostata verso il ransomware ed è ora il nuovo obiettivo per i responsabili delle politiche anti-cripto a Washington. Questo perché gli attacchi ransomware negli Stati Uniti sono diventati un evento ricorrente. Ad esempio, l’attacco informatico alla principale compagnia di gasdotti degli Stati Uniti, Colonial Pipeline, ha visto la società pagare un riscatto di $ 5 milioni agli hacker in criptovaluta prima che entrassero in possesso della loro rete.

Fonte: nairametrics

TradingMania.it

Lo staff di Tradingmania.it è composto da Analisti Finanziari e Trader professionisti, laureati in Economia delle Istituzioni e dei Mercati Finanziari II Università di Roma Tor Vergata.