Walmart si prepara ad entrare nel metaverso

I depositi di marchi rivelano i piani di Walmart per creare la propria criptovaluta e una raccolta di token non fungibili (NFT), suggerendo l’appetito del rivenditore di produrre e vendere beni virtuali nel metaverso.

Secondo quanto riportato per la prima volta dalla CNBC , il 30 dicembre 2021 il colosso statunitense del commercio al dettaglio ha depositato sette marchi presso l’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti. Le applicazioni delineano l’interesse di Walmart nella produzione e vendita di beni virtuali, inclusi elettronica, decorazioni per la casa, giocattoli, articoli sportivi e prodotti per la cura della persona.

In una dichiarazione, Walmart ha affermato che sta “esplorando continuamente come le tecnologie emergenti possono dare forma alle future esperienze di acquisto […] Stiamo testando continuamente nuove idee, alcune idee diventano prodotti o servizi che lo rendono ai clienti. E da alcuni testiamo, ripetiamo e impariamo da”.

Oltre a una serie di rivenditori che intendono sfruttare l’opportunità offerta dal metaverso, società di servizi finanziari come Lynx ed eToro hanno annunciato i loro piani per estendere le offerte in linea con le future opportunità basate su Metaverse.

All’altra estremità dello spettro, la fondatrice e CEO di Starling Anne Boden ha recentemente criticato i piani Metaverse di Meta nella sua lettera annuale. Notando che nel 2006 una banca ha aperto una filiale in Second Life, Boden ha osservato: “Avanti di qualche anno e guarda quanto è stato più semplice fornire un contatto umano 24 ore su 24, 7 giorni su 7 tramite un’app”.

Fonte: finextra

Scrivi un commento