Comprare Azioni Enel: Conviene nel 2024? Opinioni e guida

La società Per Azioni Enel è una multinazionale italiana, simbolo molto importante per la storia del nostro paese. In questo articolo oltre che ripercorrere in grandi linee la storia di Enel, ci soffermeremo su come investire in Azioni Enel. Sempre più persone negli ultimi anni hanno compreso quanto possa esser fruttuoso investire in Azioni, in questo caso in Azioni Enel.

Questa tipologia di investimento può portare l’investitore ad avere buoni guadagni, ma sempre se l’investimento è eseguito con correttezza e cautela. La domanda che ora molti di voi si andranno a porre è la seguente: perché investire in Enel? La risposta è semplice, Enel è una realtà consolidata nel panorama italiano e mondiale, è una multinazionale all’avanguardia.

Caratteristiche delle azioni Enel:

Codice alfanumerico: ENEL
Codice Isin: IT0003128367
Mercato: 🇮🇹 MTA (Azioni italiane)
Lotto minimo: 600 azioni (trading con istituti bancari)
Autorizzato da: 🇮🇹 CONSOB, 🇪🇺 CySEC, 🇪🇺 FCA, 
Regolato da: 🇪🇺 ESMA
Capitalizzazione: 68,91 Mrd EUR
Intervallo annuale: 5,14 € – 6,81 €
Volume Medio: 20,57 Mio
Migliori piattaforme: 🥇eToro, 🥈XTB, 🥉Fineco bank

Maggiori informazioni e Dati Completi.


Il 77% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se tu puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi. Il 77% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se tu puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi. Gli investimenti in criptovalute sono altamente volatili e non regolamentati in alcuni paesi dell'UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sui profitti.
Il 77% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se tu puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.
Gli investimenti in criptovalute sono altamente volatili e non regolamentati in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sui profitti.
 

Cos’é Enel?

Enel, acronimo di Ente Nazionale per l’Energia Elettrica, è una delle aziende italiane più importanti al mondo nell’ambito dell’energia elettrica e del gas. Fondata a Roma, nel 1962, dal Governo italiano, è stata convertita in società per azioni nel 1992. Dal 1999 è quotata in borsa e il suo principale azionista è lo Stato italiano, attraverso il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Attualmente è quotata nell’indice FTSE MIB della Borsa di Milano, risultando essere uno dei 10 titoli azionari migliori. Presenta un fatturato di quasi 141 miliardi e una capitalizzazione di borsa di circa 60 miliardi. Enel vende energia elettrica in 12 paesi, contando più di 65000 dipendenti all’appello. Il CDA della Società è costituito nel seguente modo:

  • Paolo Scaroni, Presidente;
  • Flavio Cattaneo, Amministratore Delegato;
  • Johanna Arbib, Consigliere;
  • Mario Corsi, Consigliere;
  • Olga Cuccurullo, Consigliere;
  • Dario Frigerio, Consigliere;
  • Fiammetta Salmoni, Consigliere;
  • Alessandra Stabilini, Consigliere;
  • Alessandro Zehentner, Consigliere.

La situazione attorno al mercato energetico è stata altalenante negli ultimi tempi: il 2023 è stato l’anno della ripresa, dopo il precedente biennio abbastanza turbolento. I prezzi dell’energia presentano dei ribassi e la crisi di materie prime come il gas è alle spalle. Enel punta così a un 2024 radioso, con uno sguardo sul lungo periodo. Un grande numero di investitori ha nel proprio portafoglio questo titolo, vista l’ottima reputazione in Italia e nel mondo.

Dopo questa breve e sintetica panoramica sulla storia di Enel, possiamo essere certi che è un valido investimento, nel prossimo paragrafo vi illustreremo le due principali modalità per investire sulle Azioni Enel.

Vediamo gli albori di Enel nel lontano 1962, quando venne istituita era un ente pubblico,  per vedere poi la prima trasformazione in società Per Azioni nel 1992. La storia di Enel è sinonimo di espansione e ricerca, si pensi che illuminò la nostra penisola, le isole. Enel ad oggi è presente in molti mercati esteri. Nel corso del 1999 la società Enel a seguito della liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica, venne quotata in borsa.

Lo stato italiano rimane il principale azionista con un 23,6% del capitale sociale.

Nel corso del decennio tra il 1970 e il 1980 si vede l’inizio del percorso di Enel verso lo sviluppo volto alle energie rinnovabili, questo dovuto anche ad una forte crisi petrolifera. La grande crisi petrolifera portò Enel a vagliare l’ipotesi di utilizzare altre fonti di energia. Da quel momento in poi vedremo una grande espansione degli impianti di energia idroelettrica.

Il fatturato Enel stimato nel 2018 era di 73,134 miliardi di euro, con un utile netto di 6,350 miliardi di Euro.
Attualmente questo colosso dell’energia, si sta sempre di più spostando verso le energie rinnovabili, andando il linea con la sensibilizzazione per l’ambiente. Nel 2000 Enel firmò un accordo con il Ministero dell’ambiente, del commercio e dell’artigianato, in cui si impegnava negli anni per la riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

Ad oggi Enel è presente in 16 paesi del mondo con gli impianti di energia rinnovabile.

L’impegno attivo di Enel riguardante le fonti rinnovabili risale al 2008, quando si decise di sviluppare Enel Green Power (EGP) una parte della società dedicata allo sviluppo delle energie rinnovabili.

Nel corso del 2019 Enel è diventa la società più capitalizzata della Borsa italiana con un valore di 67 miliardi di Euro.

Conviene davvero investire in Enel?

L’Unione Europea sta prendendo una direzione chiara e precisa: ridurre il più possibile l’utilizzo dei combustibili fossili, come il gas naturale, per far spazio all’energia elettrica. Ci sono degli investimenti a riguardo, come la volontà di immettere nel mercato automobilistico più auto elettriche possibili (il 100% dei nuovi veicoli venduti entro il 2035 dovranno essere elettrici). Si sta puntando forte anche sull’utilizzo dei treni, con sempre più nuove tratte in costruzione. L’idea è quella di permettere un maggior afflusso di viaggi via terra piuttosto che via aria.

Tutti questi investimenti richiedono un dispendio oneroso di capitali, i quali nei prossimi anni saranno destinati a tutte quelle società che hanno come obiettivo mettere in primo piano l’energia elettrica. Enel si colloca a tutti gli effetti fra queste aziende, ed è per questo che una multinazionale come questa dev’essere messa sotto la lente di ingrandimento sia per il presente che per il futuro. Sulla validità dell’investimento dunque non si discute, ma si devono analizzare diversi aspetti che prenderemo in esame passo dopo passo.

Come comprare Azioni Enel

Comprare azioni Enel

Come abbiamo anticipato all’inizio dell’articolo per investire in Azioni Enel ci sono diverse modalità, la prima è di recarsi in banca o presso un consulente finanziario, la seconda è quella di fare trading online. Come per ogni cosa ci sono i pro e i contro, ma ora addentriamoci per capire meglio quale dei due modi è più adatto a noi.

E’ possibile comprare azioni Enel attraverso 3 modalità, che sono le seguenti:

  1. Attraverso un consulente finanziario o un istituto bancario;
  2. Attraverso il trading online (tramite CFD operando sul titolo o investendo in ETF);
  3. Attraverso il trading online (Comprando l’azione reale o una frazione di essa);

Gli istituti bancari possono sembrare una soluzione adeguata, soprattutto per Enel. Ogni banca ha il listino completo di tutti i titoli presenti in Piazza Affari, di cui fa parte anche Enel. Quest’ultimo inoltre è il titolo a maggiore capitalizzazione dello scambio, ma ci sono comunque delle riflessioni da fare. C’è un prezzo troppo alto da pagare rispetto al servizio che ci viene offerto, paragonandolo specialmente alle piattaforme per investire attraverso il trading online. Le strategie offerte dagli intermediari inoltre non sono del tutto sufficienti, dunque questa scelta è altamente sconsigliata.

Si può operare in azioni Enel, attraverso dei broker finanziari, investendo tramite CFD sul titolo. I CFD sono contratti per differenza, ovvero degli strumenti finanziari i cui prezzi nascono grazie ai valori di altre tipologie di strumenti finanziari.

Utilizzando questa tipologia di strumento si ha un contratto che replica i prezzi delle azioni Enel, pur non essendo delle vere azioni Enel. L’obiettivo degli investitori è quello di puntare, piuttosto che sull’azione diretta, su come essa subisca delle variazioni durante il suo andamento. Ci sono dei vantaggi per i ricavi sul breve termine, come la strategia di investimento a ribasso e di moltiplicazione del capitale, utilizzato attraverso la leva finanziaria. Quest’ultima è l’indicatore che misura la situazione di indebitamento di un’azienda. Si può così moltiplicare l’andamento del titolo sino a 5 volte, in positivo o in negativo. Gli investitori più esperti possono provare a trarre dei vantaggi da questa tipologia di approccio, mentre chi è alle prime armi può andare incontro a vere e proprie trappole finanziarie.

Si possono poi acquisire azioni reali, entrando a far parte direttamente del sistema societario. La soluzione DMA (accesso diretto al mercato, che consiste nell’operare direttamente sui book degli ordini delle borse) permette di acquisire il titolo e di posizionarlo nel portafoglio, senza intermediari e senza il pagamento delle eventuali commissioni. È l’approccio standard degli investimenti, utilizzato per operare con le azioni di una qualsiasi società del globo. Il trading in DMA non offre i vantaggi dei CFD e i prezzi per l’acquisizione dell’azione reale sono decisamente più elevati.

Si può investire su Enel anche attraverso le obbligazioni, ovvero un titolo che dona all’investitore che lo acquisisce il diritto a ricevere, dopo la scadenza stabilita, il rimborso della cifra versata e una cedola (l’interesse che il possessore del titolo può incassare o per tutta la vita o sino a quando manterrà quest’ultimo nel portafoglio). Nel 2023 Enel ha stanziato due bond con richieste da 3,4 miliardi complessivi:

  • Il primo scade il 20 Febbraio 2031 ed è prevista una cedola annuale al 4% (ISINXS2589260723). Sono state fatte richieste che ammontano a oltre 1,5 miliardi;
  • Il secondo scade il 20 Febbraio 2043 ed è prevista una cedola annuale al 4.5%(ISINXS2589260996). Sono state fatte richieste che ammontano a oltre 1,9 miliardi.

Ci sono degli obiettivi di sostenibilità, legati alle emissioni: se non verranno rispettati il valore della cedola aumenterà (25 punti base per ogni evento di step up). Questo aspetto ci fa tornare alle analisi effettuate all’inizio dell’articolo: Enel punta a ridurre l’inquinamento, credendo così tanto in questa visione che sono state messe in mezzo persino le obbligazioni!

Un altro approccio per investire su Enel riguarda gli ETF. Un ETF (Exchange Traded Fund) è un fondo di investimento negoziato in borsa e progettato per replicare fedelmente l’andamento di un determinato indice azionario, obbligazione e materia prima. In tutto ci sono 279 ETF che contengono Enel e L’ETF con la maggiore ponderazione di Enel è il Xtrackers MSCI Europe Utilities ESG Screened UCITS ETF 1C.

Riporto qua i 10 tipi di ETF di Enel più importanti:

  • Xtrackers MSCI Europe Utilities ESG Screened UCITS ETF 1C;
  • SPDR MSCI Europe Utilities UCITS ETF;
  • iShares STOXX Europe 600 Utilities UCITS ETF (DE);
  • Amundi FTSE MIB UCITS ETF Dist;
  • Amundi FTSE MIB UCITS ETF Acc;
  • Amundi FTSE MIB UCITS ETF 1D;
  • iShares FTSE MIB UCITS ETF (Acc);
  • iShares FTSE MIB UCITS ETF EUR (Dist);
  • Amundi Italy MIB ESG UCITS ETF;
  • Amundi FTSE Italia All Cap PIR 2020 UCITS ETF Acc.

Poiché sono veramente tantissimi, per i restanti vi rimando al seguente link , dove oltre agli ETF potete trovare pesi, focus d’investimento, partecipazioni, TER, dimensioni del fondo in milioni di euro e 1A in %. (www.justetf.com/it/stock-profiles/IT0003128367#etfs)

L’ultima modalità per investire su Enel riguarda le futures. Per futures si intende un contratto a termine simmetrico, nel quale c’è un obbligo da entrambe le parti: una parte deve vendere, l’altra invece acquistare, con un prezzo prestabilito una certa quantità di sottostante.

Per tenere sott’occhio l’andamento costante delle futures di Enel, il link è il seguente.

(www.teleborsa.it/Quotazioni/Derivati/Futures/Enel-IT00031283679)

Comprare Azioni Enel direttamente in banca

Per acquistare le azioni direttamente dalla banca, basterà recarsi presso la propria filiale ed incaricare l’impiegato che si occupa di questo settore, incaricandolo di eseguire l’investimento sulle Azioni Enel. Per acquistare la Azioni dobbiamo possedere un capitale non indifferente, infatti non è possibile acquistare azioni con 20 Euro, ma bensì servono cifre molto più alte.

Altro fattore che può essere da deterrente è il seguente: Una volta che avremo incaricato l’impiegato di effettuare per noi l’investimento, non lo potremmo più monitorare, ma dovremmo aspettare le notizie dalla banca.

Inoltre comprare effettivamente le Azioni, come può essere fruttuoso, può anche essere molto rischioso, questo perché se le Azioni Enel crollano in modo repentino anche il nostro investimento verrà toccato. Visto l’imprevedibilità del mercato azionario molti piccoli investitori si sono orientati verso altre modalità di investimento.

Quotazione dei titoli Enel

Investire in Azioni tramite il Trading online

Investire in Azioni Enel tramite il Trading online è sicuramente più economico e alla portata di tutti. Infatti oramai moltissimi investitori si sono dirottati verso il Trading online, questo perché è più economico e veloce, inoltre il trader in questo caso potrà sempre monitorare il proprio investimento.

Il Trading online ha visto la sue espansione in concomitanza con la venuta di Internet e l’espansione della rete, nel corso degli anni il Trading online ha quasi del tutto modificato il modo di investire, questo anche grazie anche all’utilizzo dei CFD.

I CFD sono dei prodotti finanziari che si avvalgono della leva finanziaria, per fare Trading online CFD sulle Azioni Enel bastano poche decine di Euro, l’importante è iscriversi ad una piattaforma di Trading online certificata e sicura, che ci permetta di investire in azioni Enel.

Quale broker utilizzare per fare Trading online sulle Azioni Enel?

Per fare Trading online sulle Azioni Enel, è opportuno affidarsi a delle piattaforme di Broker che siano certificate e sicure. Nel panorama del Web ci sono molte offerte, ma nella scelta del broker noi vi ricordiamo di essere accurati e di rivolgere la vostra attenzione solamente alle piattaforme regolamentate. Inoltre è opportuno verificare che il broker in questione vi dia la possibilità di fare Trading Azionario. Di seguito vi parleremo di due Broker affidabili e semplici da utilizzare.

Comprare azioni Enel su Plus500

Plus500 è una piattaforma per investire online che opera a livello globale e che fornisce servizi di trading online in CFD, azioni reali, Futures e opzioni. Accedendo al loro sito web si può operare sia con un conto demo (quindi investendo come su un conto vero, ma coi soldi virtuali) sia attraverso un conto reale.

In questa guida scopriremo come operare con Plus500 su azioni reali, con un conto demo, prendendo come esempio in particolare Enel (l’azienda multinazionale italiana dell’energia).

Il primo passo da compiere è registrarsi al sito Plus500. Potremo decidere de iscriverci con un’e-mail e una password o effettuare direttamente l’accesso con un account Google, Facebook o Apple.

Una volta fatto l’accesso è Plus500 stesso a farci un breve tutorial su come muoverci all’interno della piattaforma! Innanzitutto si può decidere se aprire una posizione di acquisto o di vendita, con la piattaforma che ci farà vedere i passi da compiere attraverso la prima scelta (bisogna cliccare su “acquista”).

Si può scegliere il numero di quantità da acquistare (abbiamo a disposizione un capitale da 40000 euro), aumentandole o diminuendole. Si può anche impostare l’opzione stop loss o take profit, che nella piattaforma vengono chiamate rispettivamente “chiusura in perdita” e “chiusura in profitto”.

Una volta acquistate le quantità, sulla sinistra ci viene indicato di cliccare su “posizioni aperte”. Una volta fatto ciò ci ritroveremo nella schermata con lo strumento acquistato e alcuni dati. La guida di Plus500 ci fa concludere con la chiusura della posizione, per poi lasciarci muovere sulla piattaforma autonomamente.

Adesso si può investire su qualsiasi tipologia di strumento, ma come anticipato all’inizio di questa guida ci concentreremo su come comprare azioni reali di Enel.

Esempio di operazione su azioni Enel reali su PLus500: Guida passo per passo

Il primo passaggio chiaramente è di aprire un conto demo sulla piattaforma. (Apri un Conto Demo)

La schermata principale di Plus 500 è più intuitiva rispetto ad altre piattaforme:

Azioni Enel Plus500: La Piattaforma

Azioni Enel Plus500: La Piattaforma

  • Al centro possiamo trovare tutti gli strumenti su cui operare, filtrati in base alla popolarità, ai rialzi e ai ribassi. Possiamo trovare anche gli indici di ogni tipologia con le sue opzioni, le criptovalute, le Forex con le sue opzioni, le materie prime con le sue opzioni, le azioni con le sue opzioni e gli ETF. Il tutto è suddiviso ulteriormente in base ai Paesi di provenienza. Ogni strumento mette in mostra i numeri del cambio (di valuta), della vendita, dell’acquisto e il rialzo e ribasso del giorno. Si può anche attivare una notifica per ricevere le informazioni e mettere lo strumento fra i preferiti;
  • In basso c’è il grafico che rappresenta lo strumento selezionato. Quest’ultimo può essere impostato su lassi di tempo che vanno da 1 minuto sino al max. (che equivale al sempre). Sopra la linea del grafico ci sono dei simboli su cui poter cliccare. Attraverso questi si possono modificare alcune impostazioni del grafico, come la tipologia, scegliere se passare a grafici multipli, disegnarci sopra, selezionare degli intervalli e passare fra i prezzi di acquisto e di vendita dello strumento;
  • In alto si può trovare il capitale a disposizione e il margine di mantenimento. Quest’ultimo dev’essere inferiore rispetto al capitale a disposizione. Ogni strumento ha un margine di mantenimento e nel caso in cui questo livello di margine non venga mantenuto la posizione può chiudersi in automatico. Si può anche trovare il conto eco. netto, che è la divisione fra il profitto e perdita. Sulla destra c’è un cerchio con un numero: quelle sono le notifiche che possono arrivare;
  • A sinistra c’è il menù dove puoi gestire il tuo account, il negozia dove si possono trovare tutti gli strumenti descritti nel primo punto, gli ordini degli strumenti (perché alcuni strumenti non possono essere acquistati/venduti se non vengono aperti i mercati), le posizioni aperte e chiuse e la gestione dei fondi (dove viene fatto il saldo del conto). In basso si può inoltre selezionare il conto demo o il conto reale, oltre all’opzione relativa alla chat dal vivo (per ricevere assistenza in tempo reale).

Per operare attraverso azioni Enel, basta andare nella barra di ricerca a fianco al simbolo Plus500 e digitare “Enel”.

Azioni Enel Plus500: Ricerca Enel

Azioni Enel Plus500: Ricerca Enel

Una volta scelto lo strumento, bisogna inserire l’importo di azioni da investire. In questo caso investiremo su 1000 azioni Enel.

Azioni Enel Plus500: Mercato chiuso

Azioni Enel Plus500: Mercato chiuso

Possiamo anche impostare il take profit e lo stop loss. In questa piattaforma vengono chiamati rispettivamente chiusura in profitto e chiusura in perdita. Ci permettono di impostare dei limiti, entro i quali possiamo andare in perdita o possiamo avere dei ricavi. In questo modo la posizione si chiuderà in automatico, una volta raggiunti quei limiti. Nelle avanzate anche l’opzione dello stop operativo (che permette di inoltrare un ordine che automaticamente viene aggiornato a copertura del profitto, quando il mercato si muove a proprio favore). Si possono trovare anche il margine richiesto e il valore complessivo delle azioni acquistate

In questo caso imposto l’importo di 316€ con il take profit e di 184€ per lo stop loss, senza utilizzare lo stop operativo.

Azioni Enel Plus500: Operazione

Azioni Enel Plus500: Operazione

In questo caso non c’è una leva finanziaria, perché stiamo operando attraverso un’azione reale. La leva finanziaria è uno strumento esclusivo per i CFD. Dunque, l’importo investito corrisponde al valore di esposizione, 1000€.

Una volta avviata l’operazione cliccando su “Acquista”, questo sarà il pannello dell’operazione, dove compaiono le seguenti diciture:

  • Lo strumento con cui stiamo operando;
  • Il conto economico netto;
  • Il valore corrente;
  • Il cambio (della valuta);
  • Il limite stop (dove ci sono gli eventuali stop loss e take profit, se sono stati scelti),
  • Gli adattamenti;
  • Il finanziamento di overnight (un pagamento che si applica se si mantiene una posizione, durante la notte) e l’orario di apertura (come compare quello di chiusura una volta conclusa la posizione).
Azioni Enel Plus500: Operazione avviata

Azioni Enel Plus500: Operazione avviata

Una volta effettuato l’ordine ed eseguito l’acquisto, osservando la posizione si può notare come essa possa generare dei ricavi o delle perdite. Sta a discrezione dell’investitore decidere quando fermarsi (o far fermare automaticamente la posizione con il take profit e lo stop loss). Per chiudere la posizione basta cliccare sotto la scritta blu “Modifica”, dove c’è scritto (x Chiudi). In questo modo si possono incassare i ricavi o se, purtroppo, ci sono state delle perdite vedere il nostro capitale scalato.

Azioni Enel Plus500: Chiusura operazione

Azioni Enel Plus500: Chiusura operazione

Una volta chiusa possiamo vedere tutte le posizioni concluse in “Posizioni chiuse”, dopo che la notifica tutta in alto a destra ci ha avvisato dell’avvenuta chiusura. Quando si ha a che fare con azioni reali, si compra solo. Non si può investire a ribasso, come si fa con le operazioni in CFD.

Può capitare che il mercato sia chiuso. Quindi bisogna piazzare un ordine. Questa può essere vista come una sorta di prenotazione, che permette che nel momento in cui il mercato riapre le azioni risultino essere state acquistate o vendute automaticamente.

Questo invece è ciò che ci appare nel pannello dell’ordine. Troviamo indicazioni come:

  • Il tipo di ordine;
  • Il valore dell’ordine;
  • Le tariffe, suddivise fra tasso dell’ordine e il tasso corrente (il primo è il tasso che si ha nel momento in cui si è effettuato l’ordine, mentre il secondo è quello del momento);
  • La quantità di strumenti;
  • Il take profit e stop loss (se sono stati impostati precedentemente);
  • Quando è stato creato l’ordine;
  • Sino a quando rimarrà aperto l’ordine.
Azioni Enel Plus500: Ordine

Azioni Enel Plus500: Ordine

In conclusione, anche Plus500 come tante altre piattaforme mette a disposizione un conto demo gratuito. Sempre più investitori, sia alle prime armi che più esperti, ritengono fondamentale potersi esporre con soldi virtuali, per evitare potenziali rischi.

Noi di Tradingmania.it abbiamo provato a spiegarvi attraverso questa guida come utilizzare il conto demo nel modo più semplice possibile. Speriamo che questo articolo sia stato di vostro gradimento!


Conto Demo Gratuito e Illimitato Senza Vincoli di Deposito.

Trading sulle Azioni Enel con il broker eToro

Logo eToro

Logo eToro

Una delle piattaforme di Trading online più famose ed utilizzate dai trader di tutto il mondo è eToro, con eToro si possono fare moltissime operazioni in totale sicurezza dato che questo broker è certificato dai migliori enti di tutela finanziaria, come la CySEC e la CONSOB.

Il broker eToro nasce nel 2007, da quel momento non ha mai smesso di migliorare la piattaforma e l’offerta formativa. eToro è la prima piattaforma broker che ha sviluppato un nuovo modo fare Trading, adatto anche a chi non è pratico del settore.

Nel 2010 eToro sviluppò la piattaforma di Social Trading.

Tramite l’utilizzo di questa piattaforma i trader possono copiare i trader di successo replicando in modo automatico le loro operazioni.

Di seguito un video informativo per comprendere meglio il Social Trading

Utilizzare il Social Trading di eToro è molto vantaggioso nei termini in cui non si ha molto tempo da dedicare allo studio del Trading. Oltre al Social Trading eToro mette a disposizione anche la piattaforma di Trading classica dove i trader potranno scegliere in modo indipendente i propri investimenti.

Vai alla recensione per leggere le opinioni sul broker eToro.


Il 76% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se tu puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi. Gli investimenti in criptovalute sono altamente volatili e non regolamentati in alcuni paesi dell'UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sui profitti.
Il 76% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se tu puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.
Gli investimenti in criptovalute sono altamente volatili e non regolamentati in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sui profitti.

Grafico in tempo reale di Enel

Migliori broker per investire su azioni Enel

Oggi vi voglio parlare di tre piattaforme con cui poter investire su Enel, ovvero:

  • Skilling;
  • FP Markets;
  • Trade.com.

Piattaforma di trading Skilling

Skilling è una piattaforma completa, che si offre come intermediario per interagire con un vasto repertorio di criptovalute (più di 60), oltre che le azioni (all’incirca 1000), le materie prime, gli indici e le coppie del Forex. Le commissioni riguardano solo lo spread e il deposito minimo è di 100$. Si tratta di un broker completo al 100%, che permette di diversificare al meglio il proprio portafoglio. Le altre funzionalità sono:

  • Utilizzo dei CFD;
  • Trading via browser o app;
  • Imitazione dei trader migliori in circolazione;
  • Diverse piattaforme professionali;
  • Commissioni molto abbordabili;
  • Conto demo a disposizione;
  • Trading automatico (con l’utilizzo di bot);
  • CFD Bitcoin a prezzi bassissimi.

Piattaforma di trading FP Markets

FP Markets è un broker che offre servizi quali CFD e DMA per un’ampia scelta dei mercati. Nato in Australia nel 2006, oggi è utilizzato anche da tantissimi italiani, per via dell’espansione del servizio a livello europeo. La piattaforma punta sulla qualità del servizio: nessuna infrazione delle regole e un broker con un’ottima esperienza ma soprattutto trasparente rendono questa piattaforma affidabile al punto giusto.

Piattaforma di trading Trade.com

Trade.com è una piattaforma che si occupa principalmente di CFD, attraverso un canale diretto per l’investimento in Forex, azioni, materie prime e criptovalute. Presenta alcune caratteristiche in particolare, che sono le seguenti:

  • Stessa piattaforma e stesso account per diversi mercati;
  • Accesso a due diverse piattaforme (WebTrader e MetaTrader 4);
  • Listini completi;
  • Titoli selezionati con criterio.

Azioni Enel: i dividendi

Per dividendo si intende un pagamento periodico, che la società effettua agli azionisti per il capitale conferito. Si parla di “distribuzione di dividendi” per quella parte di profitto che viene distribuita agli azionisti, mentre il “dividendo” è il capitale distribuito a ciascun azionista.

Enel può far fruttare ottimi ricavi coi dividendi, collocandosi fra le migliori azioni in Italia sotto questo aspetto. Nel Piano Strategico 2024-26 si è stabilito un dividendo per azione fisso di 0,43€ per il 2023 e per tutta la durata del piano. Per questo biennio inoltre, la politica aziendale dei dividendi ha previsto un aumento potenziale sino a un payout del 70% sull’Utile netto ordinario, nell’ipotesi in cui venga raggiunta la neutralità dei flussi di cassa.

Tutti i grafici a riguardo sono disponibili sul sito web dell’azienda, a questo link:

(www.enel.com/it/investitori/investimenti/storico-dividendi)

Come investire in azioni Enel senza rischi?

Come già scritto in altri articoli dove ho trattato altri titoli, nessun investimento è esente da rischi. Il futuro è imprevedibile, ma si può provare a capire quanto rischio c’è riguardo quest’azienda. Prendendo spunto dalle analisi di inizio articolo, sulle ambizioni future della multinazionale, si può tranquillamente affermare che c’è grande fiducia intorno a Enel.

L’energia elettrica sta prendendo sempre più il sopravvento in varie parti del mondo ed Enel si propone come uno dei colossi in grado di dare una svolta. Allo stato attuale conviene tenere le azioni Enel se si è già in possesso di esse o farci un pensiero in vista del futuro. I rischi sembrano essere veramente minimi, ma questa rimane un’opinione della nostra redazione.

Se dopo la lettura di questo articolo volete il confronto con altri curiosi e/o investitori di questo titolo, potete rivolgervi a diversi siti web nel quale si aprono argomenti di conversazione a riguardo:

  • Investing,com;
  • ADVFN;
  • Forum di FinanzaOnLine.

Analisi bilancio Enel

 

2022

2021

2020

2019

2018

Ricavi (€ mln)

140 miliardi di euro

88,3 miliardi di euro

66 miliardi di euro

80,327 miliardi di euro

75,6 miliardi di euro

EPS

$0,16

$0,14

$0,13

$0,14

$0,14

Indice di indebitamento

60,1 miliardi di euro

51,95 miliardi di euro

45,4 miliardi di euro

45,2 miliardi di euro

41,09 miliardi di euro

Price/book ratio

1,68%

1,69%

1,99%

1,53%

1,07%

Margine operativo

12,49%

17,095%

26,2%

22,95%

20,97%

Ritorno sull’equity (ROE)

5,87%

10,75%

9,21%

7,16%

15,1%

Ritorno sugli asset (ROA)

4,02%

2,49%

5,25%

4,44%

5,69%

P/E ratio

18,0%

32,6%

19,6%

27,8%

12,3%

Concorrenza Enel

Parallelamente alla brevissima analisi sulla concorrenza di Eni, anche per Enel il discorso è lo stesso. Quando si parla dell’energia elettrica e del gas Enel non ha rivali in Italia. Questo marchio, come Eni, cerca ogni giorno di ampliarsi anche a livello mondiale, come analizzato nell’introduzione dell’articolo.

Quanto investire in azioni Enel

Un’azione Enel costa circa 6 euro. La volatilità è stata praticamente nulla nell’ultimo anno. Queste semplici conclusioni possono bastare per farsi un’idea chiara. Questo titolo nel portafoglio ci va assolutamente, con una percentuale di peso di almeno del 20%. Ricavi bassi ma sicuri con rischi praticamente nulli.

Conclusioni finali

Il titolo Enel è uno di quelli che non può mancare nei portafogli degli investitori. Il prezzo è più che abbordabile e la redditività è eccezionale. La società è solida: si è dimostrata tale anche nei momenti di crisi, sia quella energetica che quella dovuta alla pandemia. Il titolo non è all’apice del successo attualmente, ma tutto ciò potrebbe essere raggiunto in futuro.

Le azioni ENEL sono le più capitalizzate a Piazza Affari e offrono dei dividendi veramente allettanti, come accennato in uno dei paragrafi precedenti. Un titolo del genere mostra stabilità, oltre che convenienza. Enel è pronta a estendere il proprio dominio anche all’estero, facendo così quel passo in più che differenzia un titolo ottimo da uno eccezionale. Ci sono anche alcuni parametri di mercato che fanno ben sperare in vista del futuro:

  • Salute finanziaria dell’azienda, che mostra dati importanti attraverso il fatturato, l’utile netto e il MOL (margine operativo lordo);
  • Variabili del settore energetico, come la domanda di energia, le norme e le politiche;
  • Tendenze di mercato, come ad esempio l’utilizzo sempre più ampio delle energie rinnovabili;
  • Situazione politica ed economica mondiale, poiché Enel non opera solo in Italia;
  • Exploit della sostenibilità, che porta Enel a candidarsi come una delle aziende più serie a riguardo;
  • Gestione dell’azienda, perché oltre a ciò che viene mostrato fuori conta anche e soprattutto quanto viene gestita bene l’azienda dall’interno.

Tenendo conto di tutti questi aspetti, siamo più che fiduciosi su un presente di spicco e un futuro radioso per Enel. Noi di Tradingmania.it vi diciamo di sì in merito a questo titolo e vi aspettiamo per la lettura del prossimo articolo. A presto!

FAQ: Domande frequenti

Conviene investire nelle azioni Enel?

Sì, stato attuale conviene tenere le azioni Enelse si è già in possesso di esse o farci un pensiero in vista del futuro.

Quali sono i concorrenti di Enel?

Prima di investire in Enel è necessario studiare i concorrenti e i loro piani di sviluppo. I concorrenti di Enel sono EDF e Engie.

Qual è il simbolo azionario di Enel?

Il simbolo azionario di Enel è ENEL e le azioni vengono quotate sul mercato MTA.

Qual è il piano strategico 2024-2026?

Nel Piano Strategico 2024-26 si è stabilito un dividendo per azione fisso di 0,43€ per il 2023 e per tutta la durata del piano.

Quali sono le strategie di investimento su Enel?

Per investire su Enel noi ti consigliamo di iscriverti ad un broker di trading online che ti permetta di utilizzare i CFD. Prima di partire con un investimento è necessario studiare la società e capire quali sono i suoi piani futuri, in questo specifico caso Enel è ben posizionata per il prossimo futuro.

Chi sono i principali azionisti di Enel?

I principali azionisti di Enel sono per il 23,6% il ministero dell’Economia e delle Finanze italiano. Gli investitori individuali il 16,1% e investitori istituzionali il 60,3%.

Da quando è quotata in borsa Enel?

Enel è quotata in borsa dal 1999 e il suo principale azionista è lo Stato italiano, attraverso il Ministero dell’economia e delle finanze.

eToro Disclaimer eToro Disclaimer Fineco Disclaimer Fineco Disclaimer

Scrivi un commento