Home Trading online Cos’è il trend nel trading online?

Cos’è il trend nel trading online?

1381
0
SHARE
Il trend nel trading online
Il trend nel trading online

Il trend nel trading online

Oggi il Trading Online rappresenta una attività che molti intraprendono per cercare di realizzare dei progetti, negoziando attraverso strumenti finanziari sui principali Mercati Nazionali ed internazionali. La scelta della piattaforma di Trading Online non dovrà essere fatta in maniera superficiale.

Per diventare un Trader vincente, si dovrà essere in grado di riconoscere un partner affidabile con cui operare e a cui affidare i propri soldi. La gran parte dei Trader principianti non sanno distinguere la qualità e così finiscono per perdere soldi presso Broker di scarsa qualità che offrono Bonus troppo generosi ma a condizioni poco convenienti.

Il Trading Online rappresenta una attività molto redditizia che permette a tutti i Trader sia quelli principianti e sia quelli esperti del settore, di speculare usando i servizi di un Broker online.

Spesso sentire la parola speculazione fa paura, in particolare per i Trader neofili, ma in questo caso significa di fatto fare delle previsioni sull’andamento delle quotazioni di un asset finanziario.

Il Trading finanziario prevede che l’asset possa essere di vario tipo, come ad esempio potrà essere una coppia di valute, ed in questo caso si parla di forex, oppure materie prime, ovvero commodities, come ad esempio oro, petrolio e metalli, oppure l’asset potrà essere l’azione di Borsa.

Capire come funziona il Trading Online permetterà a molti di fare molte previsioni corrette e di conseguenza guadagnare online di più minimizzando al massimo le operazioni negative. Prima di iniziare l’aspetto fondamentale da capire è che non esiste nessun Trader in grado di prevedere come potrà evolvere un Mercato e dunque si consiglia di non fidarsi di chi vende servizi di segnali di Trading sicuri od anche metodi infallibili per vincere in Borsa. Un bravo Trader comunque riesce a portare il rischio a livelli bassi, anche se questo non potrà mai essere pari a zero.

Dal momento che si inizierà ad operare con il Trading Online, si dovrà tenere conto anche delle componenti casuali, oltre alle notizie che influenzeranno in maniera diretta o indiretta i prezzi dei Beni di Mercato.

I primi passi nel trading online

Il modo migliore per muovere i primi passi nel Trading Online è sicuramente quello di scegliere un ottimo Broker e lo si farà in base a determinate caratteristiche, come ad esempio il tipo di formazione, il Conto Demo, il deposito minimo, la sicurezza e l’affidabilità.

Dopo avere scelto il Broker in base alle diverse caratteristiche che più ci aggradano, non resterà che effettuare una prima registrazione, al fine poi di aprire un Conto Demo o un conto reale.

Dal momento in cui si effettuerà la registrazione presso il Broker, molto spesso sarà possibile anche avere accesso immediato ai corsi di formazione gratuiti o a pagamento.

Si consiglia di studiare attentamente tutto quello che il vostro Account Manager vi consiglierà.

E’ giusto precisare che i corsi di Trading messi a disposizione direttamente dal Broker sono inizialmente gratuiti, ma se si vorranno avere maggiori informazioni e requisiti saranno disponibili contattando direttamente il servizio clienti del proprio Broker.

Si consiglia anche di valutare attentamente il corso che verrà offerto, perché questo corso dovrà essere in partenza molto semplice da apprendere. Sarà infine molto utile mettere in pratica con il Conto Demo, quello imparato nella parte teorica, perché sarà molto importante studiare e fare esperienza contemporaneamente.

Cos’è un Trend

Il trend nel trading online
Il trend nel trading online

I Trend rappresentano un elemento essenziale sia per il Forex trading e il trading CFD, e sia per ogni forma di compravendita di titoli, come ad esempio Azioni, ETF, Futures, e via discorrendo.

Si può definire il Trend come un evento che in un determinato periodo tenderà a ripetersi e quindi fa presupporre che per un determinato tempo futuro si ripeterà. Si può cercare di spiegare attraverso un esempio estremamente semplificato, un caso potrebbe essere che se il Dollaro perdesse nei confronti dell’Euro per tre giorni consecutivi il Trend sarà quello del ribasso, ed un’analisi estremamente semplificata del Trend, potrà dire che oggi ci converrebbe investire nel Forex contro il Dollaro.

Il significato del Trend si potrebbe sintetizzare come la tendenza di un evento a ripetersi, la cui analisi potrà consentire di capire come investire online.

Minimi e massimi

Si potrebbe analizzare il Trend attraverso un Grafico per poi comprendere anche altri elementi. Prima di tutto sarà importante definire due termini per due elementi che si incontreranno sempre, ovvero i Massimi e i Minimi.

  • I Massimi: ad esempio se si prendono in considerazione le frazioni di tempo dell’andamento della quotazione, come ogni 5 secondi, i massimi sono costituiti dalla quotazione più alta che il prezzo toccherà prima di subire un ribasso;
  • I Minimi: ad esempio se si prendono in considerazione le frazioni di tempo dell’andamento della quotazione come ogni 5 secondi, i minimi sono costituiti dalla quotazione più bassa che il prezzo toccherà prima di subire un rialzo.

In questo compito sono consigliati i grafici con candele giapponesi.

Dal momento che si avrà conoscenza dei massimi e dei minimi, si potranno effettuare le analisi del Trend, e si avrà un Trend al rialzo se le quotazioni delle valute presenteranno un andamento dei minimi e dei massimi in crescita,

e si avrà un Trend al ribasso se i prezzi di spread con massimi e minimi in discesa.

Breve, medio e lungo periodo

Quando si analizzerà un Trend si dovrà prendere in considerazione anche l’arco temporale in cui questo si verificherà e soprattutto quello che si desidererà analizzare, perché c’è molta differenza a seconda che si vorrà studiare un Trend per il breve, per il medio e per il lungo periodo:

  • Il breve periodo: può essere considerato l’arco di una giornata e quindi le frazioni temporali potranno essere i minuti presi ad esempio a gruppi di minuti, come 1,2,5, 15,20, 30, e le ore che saranno prese invece singolarmente;
  • Il medio periodo: può essere rappresentato dalla settimana, con le frazioni intermedie definite in ore e giorni;
  • Il lungo periodo: può essere rappresentato dal mese, con frazioni definite dai giorni.

Definire una certa temporalità del Trend nella propria attività di Trading valute aiuterà sicuramente a focalizzare l’attenzione sui propri obiettivi e ad amministrare al meglio il proprio budget rispetto agli stessi e inoltre, si potrà focalizzare l’attenzione su eventuali momenti critici o positivi al fine di difendersi o di approfittarsi degli stessi.
Quando un Trend sembrerà essere costante, si parlerà di “Trend robusto”, cosa che potrà farvi capire se investire al rialzo o al ribasso con una certa sicurezza.

Bisognerà tenere in considerazione la Volatilità e Temporalità perché giocano un ruolo fondamentale, in particolare nel Forex.

Più si investirà a breve termine, più la volatilità inciderà su un determinato investimento, e se invece si investirà sul lungo termine, i risultati saranno leggermente più facili da prevedere, ma arriverebbero dopo un’attesa che va contro la logica del Trading, perché in particolare nel Forex si fanno contrattazioni giornaliere e quindi avere un bilancio giornaliero del proprio operato, che a lungo termine si compone di bilanci frazionati giornalmente.

In questo senso, si potrà creare un grafico dei propri stessi bilanci giornalieri in base ai propri guadagni sul Forex o sulle proprie perdite.

Trend Laterale

I Trend Laterali sono una particolare forma di definizione del Trend, e sono molto utilizzati soprattutto negli Indicatori. I Trend Laterali formano dei canali di prezzo definiti da un minimo e un massimo. Le quotazioni tenderanno a mantenersi entro questi canali fin quando non romperanno stabilmente i livelli di rialzo o di ribasso degli stessi.

Conto Demo Gratuito di 24option