Bitcoin (BTC) tiene a $ 30.000, ma deve ancora trovare un fondo

I prezzi di Bitcoin (BTC) si sono consolidati intorno al livello di $ 30.000 per oltre un mese, con pochi fattori che forniscono una spinta al rialzo.

BTC è attualmente scambiato a $ 30.318, sostanzialmente invariato rispetto a quando era all’inizio di maggio, secondo i dati di Coinmarketcap.com.

Il token è crollato di oltre il 50% da un record nel 2021, ed è sceso del 35% finora quest’anno. Gran parte delle sue perdite è stata determinata da fattori macroeconomici: aumento dell’inflazione, aumenti dei tassi di interesse e la guerra Russia-Ucraina.

Ma nonostante le forti perdite di quest’anno, gli analisti temono che BTC non abbia ancora trovato il suo minimo. Le previsioni vanno da $ 28.000 a un minimo di $ 20.000 prima di una ripresa .

Willy Woo dice che il fondo di BTC non è ancora arrivato

Il famoso analista di criptovalute Willy Woo ha dichiarato su Twitter che, nonostante BTC abbia visto alcuni acquisti a prezzi inferiori, il token deve ancora confermare un minimo.

Woo ha notato che, a differenza di altri dump di BTC, che tendevano ad avere il 60% dei detentori totali in perdita, questa volta solo il 47% è in perdita. Questo probabilmente indica che il token ha ulteriori perdite in serbo.

Il token sta ancora vedendo una buona quantità di acquisti istituzionali. Ma questo si sta rivelando insufficiente per sostenere i prezzi, per ora. La maggior parte dei trader è ancora riluttante ad acquistare a prezzi più bassi, dato il preoccupante contesto macroeconomico.

BTC sta tentando una struttura di fondo che non ha ancora confermato. A livello locale stiamo assistendo a una forte domanda spot da parte degli hodler, probabilmente istituzionale. Niente di tutto questo ha importanza se i mercati macro si fanno cagare da soli.

-Willy Woo

Più macro dolore questa settimana

Rispecchiando il mercato azionario, questa settimana BTC si è attenuto a un range ristretto in previsione dei dati chiave dell’inflazione statunitense di venerdì. È probabile che una lettura in linea, o anche più forte, di maggio provochi una carneficina nel mercato, poiché indicherà un maggiore inasprimento della politica della Federal Reserve.

Sebbene l’inflazione fosse leggermente diminuita ad aprile, è rimasta comunque ai massimi degli ultimi 40 anni. Se questa tendenza continua, BTC e il mercato delle criptovalute sono destinati a soffrire di più, dato che l’inflazione elevata potrebbe innescare una recessione economica.

Fonte: coingape

Canale Youtube

Scrivi un commento