Home Trading CFD Come sono tassati i CFD in Italia?

Come sono tassati i CFD in Italia?

97
0
Quali sono le imposte sui CFD

Quando si decide di fare Trading CFD, si prende atto sin da subito che i CFD sono tassati, quindi sono dei prodotti derivati soggetti a tassazione, anche se molti travisano questo aspetto.

Sicuramente i CFD hanno un vantaggio fiscale rispetto alla negoziazione diretta nei mercati finanziari, per cui nonostante la tassazione conviene sempre utilizzarli.

Nonostante le imposte spesso vengano viste con scetticismo, sicuramente la scelta de CFD presenta dei buoni vantaggi, a differenze dell’acquisto diretto delle azioni in banca, per esempio.

Detto ciò passiamo a come funziona la tassazione per quanto riguarda i CFD, ci avete fatto notare che non ti trovano molte informazioni a riguardo.

I vantaggi fiscali dei CFD

Sicuramente ci sono dei vantaggi fiscali nell’operare con i CFD.

I CFD sono dei derivati soggetti alla semplice imposta sulle plusvalenze ma mantengono l’esenzione dall’imposta di bollo anche se l’attività da voi scelta è un titolo che fa parte del Regno Unito.

Come sapete, nel Regno Unito, le cose solitamente funzionano in modo differente, ma in questo caso no.

Di solito l’imposta di bollo è pagabile allo 0.5% considerando il valore totale della vostra transazione per la vendita delle azioni.

Questo però non è applicabile per tutte quelle transazioni in CFD che non prevedono responsabilità oltre a quella dei CGT.

Questo significa che si avrà più denaro a propria disposizione aprendo una posizione in CFD che comprando direttamente le azioni.

E ancora non abbiamo considerato i numerosi vantaggi del trading a margine.

Dal punto di vista fiscale conviene negoziare i CFD.

I CFD possono essere scambiati con un’efficienza fiscale molto alta quando si ha a che fare con una responsabilità fiscale grande.

Considerando l’acquisto di azioni, i CFD possono offrire di sicuro un risparmio fiscale, sappiate che per i trader che negoziano CFD in modo regolare non ci sono grandi svantaggi fiscali.

Per cui possiamo dire scegliere il Trading CFD è una soluzione più facile per tutti quei trader che lo fanno seriamente.

Per esempio la conoscenza del numero di CFD è molto importante e mette il trader a proprio agio per operare.

Così come avere un quadro chiaro di quanto si dovrebbe pagare in ogni transazione che avviene aperta sui mercati.

  • Sarà sicuramente importante avere:
  • un’adeguata pianificazione;
  • prevedere nel modo migliore gli andamenti finanziari degli asset;
  • gestire bene oneri, tasse e commissioni applicabili;
  • prendere decisioni oculate.

Tutto questo inizialmente non è semplice, ma bisognerà pur iniziare da qualcosa.

Siamo sicuri che vengono tassati i CFD?

Assolutamente si.

Come già vi abbiamo detto generalmente la tassazione CFD è dello 0.5%.

Ogni operatore ha il compito di tenere sotto controllo tutte le implicazioni che possono nascere da eventuali guadagni e perdite direttamente sui mercati finanziari.

Sicuramente, quando si decide di commerciare CFD bisogna prestare molta attenzione alle leggi fiscali e agli obblighi di segnalazione all’interno dell’Italia.

Ad ogni modo se se alla ricerca di linee guida per capire come funzionano a livello fiscali i profitti e le perdite qui potresti sicuramente trovare qualcosa di utile.

Quali sono le imposte sui CFD e certificati italiani?

Con la legge di stabilità 2013 (Legge 228/2012), vogliamo informarvi che dal 3 Settembre 2013 le transazioni sui CFD, futures OTC e i certificati che faranno parte di titoli italiani saranno soggette alla Tobin Tax, equivale a dire l’imposta sulle transazioni finanziarie.

Sappiate che questa imposta verrà applicata a prescindere dal paese di residenza o dal luogo in cui nasce e si chiude una transazione.

Come è applicata l’aliquota ai CFD?

Le tabelle di seguito mostrano l’ammontare dell’imposta che solitamente viene applicata per ogni prodotto CFD commercializzato.

Di solito è tutto incluso nell’operazione che aprire, per cui il “prelievo” avverrà quando aprite una posizione, per cui non vedrete una sorta addebito vero e proprio sul conto.

Quelle che vi forniamo nella tabella sono più che altro delle “somme indicative”, per cui non prendete alla lettera questi dati, spesso sono soggette ad alcuni cambiamenti.

Tassazione CFD

Cos’è e come funziona la Tobin Tax

La Tobin Tax è conosciuta come l’imposta sulle transazioni finanziarie, sicuramente l’avrete sentita chiamare anche “FTT“.

Nasce da James Tobin, premio Nobel per l’economia nell’anno 1981, il suo obiettivo era quello di penalizzare le speculazioni finanziarie.

La Tobin Tax in Italia è stata istituita con la legge di stabilità nel 2013 (Legge 228/2013, con entrata in vigore nell’1 Marzo 2013.

Questo tipo di tassazione è a carico dell’investitore che acquista e viene applicata in questi tre casi:

  • Quando vengono eseguiti dei trasferimenti di proprietà di azioni e strumenti finanziari partecipativi (comma 491);
  • Quando nascono dei contratti derivati e titoli che abbiano come sottostante le azioni di cui sopra (comma 492);
  • Se si eseguono delle operazioni con alta frequenza (comma 495).

Su quali operazioni viene applicata la TobinTax?

In particolare nel trading online di CFD su società italiane quotate che possiedono una capitalizzazione superiore a 500 milioni di euro (sino al 30 novembre dell’anno precedente), a prescindere sia dal mercato in cui sono quotate le società, sia dal paese dal quale provengono.

L’applicazione della tassa, rimanendo sul tema delle azioni, avviene in base al saldo netto di fine giornata sullo strumento finanziario che avete deciso di negoziare.

Quindi vale per tutte quelle operazioni che ad ogni fine giornata riescono a generare dei profitti rispetto al giorno precedente.

Potete quindi intuire che la tassa non viene applicata su operazioni intraday, per cui con inizio e fine durante la stessa giornata.

L’aliquota di solito equivale allo 0,20% per tutte quelle azioni negoziate sui mercati OTC, “over counter”, non regolamentati.

E’ invece ridotta dal 50% allo 0,10% nel momento in cui i trasferimenti avvengono in mercati sottoposti a regolamentazioni.

Per maggior informazioni vi consigliamo di consultare le due tabelle qui in basso, nelle quali potete individuare tutti gli strumenti tassati.

Tassazione CFDTassazione CFD

Come vedete il calcolo per l’imposta sulle transazioni finanziarie che eseguite dipende dallo strumento che decidete di negoziare.

Il calcolo dell’imposta su strumenti finanziari dipende dallo strumento stesso che avete scelto, per esempio, la Tobin Tax non è applicabile al mercato del petrolio.

Sappiate però che ogni broker presenta delle tassazioni differenti, per cui prestate molta attenzione prima di intraprendere dei nuovi investimenti.

Migliori piattaforme di Trading online

Broker Forex Trading, Criptovalute e Trading CFD

Tutti i broker sono stati testati dal nostro esperto staff.
Ci teniamo molto ad offrire solamente piattaforme di Broker che siano legali e sopratutto certificati e
autorizzati in Europa dalla Cyprus Securities and Exchange Commission (CySEC) ente addetto al controllo ed alla sicurezza per il trading online.

Broker Vantaggi* Conto Demo*
Licenza: CySEC-FCA 
Social Trading

Conto Demo di 10.000€!
Apri conto Demo Gratuito!
Licenza: Cysec – FCA – KNF
Conto Demo di 100.000€!
Nessun Deposito Minimo!
News e Idee di Trading!

Apri conto Demo Gratuito!
broker 24option Licenza: CySEC
100% Sicuro
Conto Demo di 10.000€!
Apri conto Demo Gratuito!
Licenza: CySEC
Fai trading con soli 10€!

Trade minimo: 1€
Apri conto Demo Gratuito!
Licenza: CySEC
Broker affidabile

Deposito minimo: 100€
Apri conto Demo Gratuito!
broker alvexo Licenza: CySEC
100% Regolamentato
Conto Demo di 50.000€!
Apri conto Demo Gratuito!
broker Markets.com BROKER DEL MESE
Licenza: CySEC
“100% Affidabilità”
Conto Demo di 10.000€!
Apri conto Demo!

*Avviso di rischio: Gli investitori possono perdere tutto il loro capitale da trading.
Rischia solo il capitale che sei disposto a perdere. Questo messaggio non costituisce un consiglio di investimento.
N.B.: Tutti i Broker elencati sono certificati e autorizzati dalla CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission).

I CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita rapida del proprio denaro a causa della presenza della leva. Circa il 74-89% dei conti degli investitori al dettaglio perdono il proprio denaro quando fanno trading con i CFD. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di assumerti l’alto rischio di perdita del tuo denaro“.

Apri un Conto Demo Gratuito con 24option

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here