Il greggio si stabilizza mentre i mercati valutano la direzione del dollaro USA.

Il greggio WTI sta tenendo il resto della giornata appena sotto i 78,50 dollari USA dopo essere sceso durante la notte nonostante i rapporti secondo cui le scorte di greggio erano diminuite meno del previsto.

C’è stato un forte calo della domanda di altri prodotti energetici, in particolare la benzina. I dati della US Energy Information Administration (EIA) hanno mostrato che le scorte di greggio sono diminuite di 708.000 barili per la settimana terminata il 14 luglio, invece di una previsione di 2,44 milioni di barili.

Il grano ha continuato a guadagnare nella sessione di giovedì dopo i forti guadagni degli ultimi giorni. Arriva dopo che la Russia ha intensificato la sua retorica sull’azione per bloccare i porti ucraini dalle esportazioni di grano.

Ora hanno affermato che le navi che entrano nel Mar Nero sarebbero considerate portatori di armi. I lingotti d’oro sono aumentati, scambiati ai massimi di 7 settimane, mentre il dollaro USA è stato generalmente più debole.

Il dollaro australiano ha guadagnato ulteriormente in quanto si è indebolito di recente, oscillando sopra i 68 centesimi dopo che il tasso di disoccupazione è sceso al 3,5% a giugno, al di sotto delle previsioni del 3,6%.

La Peoples Bank of China (PBOC) si è astenuta dal tagliare oggi i suoi tassi sui prestiti a 1 e 5 anni, mantenendoli rispettivamente al 3,55% e al 4,20%. Continua a circolare la speculazione che Pechino proverà a introdurre ulteriori misure di stimolo nel tentativo di ringiovanire la sua economia. Finora, il titolo ha faticato ad aggiungere positività al Medio Regno.

I mercati azionari dell’APAC sono misti con pochi movimenti, ad eccezione delle azioni giapponesi. Oggi sono in ribasso con il Nikkei 225 in ribasso di oltre l’1% al momento della stampa.

I futures di Wall Street mostrano un inizio lento del ciclo monetario dopo che Tesla e Netflix hanno riportato risultati contrastanti. I rendimenti dei Treasury si sono stabilizzati dopo essere scesi all’inizio di questa settimana, ma il benchmark a 10 anni era appena sopra il 3,75%.

In prospettiva, i posti di lavoro negli Stati Uniti attireranno l’attenzione del mercato e i dati sulle vendite interne. Il contratto WTI continua a vedere condizioni di trading contrastanti, anche se questa settimana si è verificata una certa volatilità a breve termine.

Il prezzo è ancora compreso tra 66,80 e 77,33 per 11 settimane. Guardando il quadro più ampio, è stato compreso tra 63,64 e 83,53 dallo scorso novembre. Con questo in mente, i precedenti massimi e minimi potrebbero fornire rispettivamente resistenza e supporto.

Al ribasso, il supporto potrebbe essere trovato alle rotture vicino a 75,00 e 72,72 o ai minimi precedenti di 67,03, 66,82, 66,80, 64,36, 63,64 o al minimo di novembre 2021 di 62,43. Al contrario, la resistenza potrebbe essere trovata a 76,92 e 79,18 davanti a un gruppo di rotture e massimi precedenti nell’area 82,50 – 83,50.

Fonte: Dailyfx.com

 

Scrivi un commento