Il prezzo del bitcoin crolla dell’11%. Cosa sta succedendo?

Le criptovalute sono sotto pressione tra i timori di tassi di interesse in rapido aumento.

Il prezzo di Bitcoin (CRYPTO: BTC) è crollato durante la notte, scendendo fino all’11% per raggiungere 35.612 dollari.

Al momento in cui scriviamo, la criptovaluta più grande del mondo per capitalizzazione di mercato è scesa del 9% nelle ultime 24 ore, con un valore attualmente di 36.509 dollari USA.

L’ultima volta che il prezzo del Bitcoin è sceso così tanto in un solo giorno è stato quando le truppe russe sono entrate in Ucraina, provocando turbolenze sui mercati globali alla fine di gennaio.

E non è solo BitcoinCoinMarketCap ci dice che tutti tranne uno dei primi 100 criptovalute per capitalizzazione di mercato sono oggi in rosso (stablecoin a parte).

Allora, cosa sta succedendo?

Il prezzo del bitcoin soccombe alle paure sui tassi

Il dito della colpa sembra puntare esattamente sull’aumento dei dati sull’inflazione globale . Cifre che stanno costringendo le banche centrali di tutto il mondo a iniziare ad aumentare i tassi di interesse in modo più aggressivo di quanto la maggior parte degli analisti si aspettasse.

La Federal Reserve statunitense si è trattenuta questa settimana con un aumento del tasso dello 0,50% anziché del temuto 0,75%. Ma gli investitori sono fin troppo consapevoli che ulteriori rialzi sono appena dietro la curva della Fed e di altre banche centrali di tutto il mondo.

Dopo un grande rally di sollievo mercoledì, ieri (durante la notte ora australiana) i mercati statunitensi sono crollati. Il Nasdaq, ad alto contenuto tecnologico, ha aperto la strada al ribasso, crollando del 5%.

E come abbiamo visto nel corso di quest’anno, il prezzo di Bitcoin tende a muoversi in stretto allineamento con gli asset di rischio come le azioni tecnologiche ad alta crescita.

xtb Trading Demo

Quello che gli esperti stanno dicendo

Commentando la disfatta delle criptovalute, Jason Lau, direttore operativo dell’exchange Okcoin ha dichiarato (citato da Bloomberg):

“Gli investitori sono nervosi sul fatto che la Fed continui ad aumentare i tassi di interesse dopo l’aumento di 50 bps di ieri. Il potenziale di ulteriori aumenti dei tassi rende incerta la traiettoria dell’economia globale”.

Josh Olszewicz, gestore di fondi di asset digitali, capo della ricerca di Valkyrie Investments, ha aggiunto:

Il bitcoin è diventato sempre più correlato agli orari di trading statunitensi e agli indici di mercato tradizionali statunitensi, probabilmente a causa di una combinazione di una crescente presenza istituzionale statunitense e dell’assenza della Cina dopo i divieti radicali dello scorso anno.

Da marzo di quest’anno, la maggior parte delle grandi vendite di Bitcoin sono iniziate durante l’apertura del mercato statunitense, suggerendo potenzialmente che un partecipante al mercato continua a vendere ogni rally rialzista.

Dopo l’ultimo round di vendita, il prezzo di Bitcoin è sceso del 23% finora nel 2022.

Fonte: fool

xtb Trading Azioni

Tradingmania.it consiglia

eToro Conto Demo Gratis

Tradingmania.it

Scrivi un commento