Previsioni settimanali di Bitcoin: BTC punta a 53.000$, ma gli indicatori suggeriscono il contrario

  • Il prezzo del bitcoin mostra una formazione a triangolo ascendente, suggerendo un breakout a 53.629$.
  • I dati sulle transazioni suggeriscono che questa mossa è probabile, ma gli indicatori di mercato suggeriscono il contrario.
  • Una chiusura giornaliera della candela al di sotto del livello di supporto di $ 34.752 invaliderà la tesi rialzista. 

Il consolidamento del prezzo del bitcoin continua con la formazione di una configurazione rialzista . Un breakout da questa formazione potrebbe essere la chiave per innescare una corsa al rialzo, ma le cose non sono così semplici come sembrano. Le metriche on-chain e gli indicatori di mercato suggeriscono che la tesi rialzista ha più di quanto sembri.

Il prezzo del bitcoin e il suo dilemma

Il prezzo del bitcoin ha stabilito tre massimi uguali e quattro minimi maggiori dal 22 gennaio. Questi punti di oscillazione possono essere collegati utilizzando linee di tendenza per formare un triangolo ascendente. Questa formazione tecnica prevede un rialzo del 21%, ottenuto sommando la distanza tra il primo massimo e il minimo del primo swing al punto di breakout a 44.418$.

Una chiusura decisa al di sopra della barriera di resistenza orizzontale a 44.418$ segnerà una violazione di detto pattern e innescherà un movimento del 21% a 53.629$. È interessante notare che una chiusura giornaliera della candela superiore a $ 52.000 creerà un massimo più alto e suggerirà l’inizio di un rally rialzista.

In una situazione del genere, il prezzo di Bitcoin probabilmente stabilirà un minimo più alto e farà una corsa verso il livello psicologico di $ 60.000 e forse il massimo storico a $ 69.000 se lo slancio rialzista si mantiene.

A supportare questa mossa più in alto c’è il modello Global In/Out of the Money (GIOM) di IntoTheBlock. Questo indice mostra che l’area di resistenza immediata, che si estende da $ 41.600 a $ 43.750, è debole e che è probabile un passaggio a $ 47.642.

Qui, circa 6,03 milioni di indirizzi che hanno acquistato quasi 3,2 milioni di BTC sono “Out of the Money”. Pertanto, è probabile che un passaggio in quest’area incontrerà pressioni di vendita da parte degli investitori che cercano di raggiungere il pareggio.

A differenza dei dati tecnici, i dati della transazione suggeriscono la possibilità di una mossa rialzista, ma questa prospettiva sembra limitata a $ 50.000.

A dare speranza ai rialzisti è l’indicatore di cambio posizione netta in borsa, che attualmente è in rosso, suggerendo un deflusso netto di BTC. Circa 36.600 BTC hanno lasciato entità centralizzate l’11 marzo e 13.000 il 16 marzo.

Sebbene il flusso netto sia diventato leggermente positivo oggi, i massicci deflussi della scorsa settimana suggeriscono che gli investitori istituzionali o con un patrimonio netto elevato sono rialzisti e stanno spostando le loro partecipazioni su portafogli freddi in previsione di un rally

Il lato rialzista delle cose sembra pulito e supporta la possibilità di un aumento del prezzo di Bitcoin. Tuttavia, il grafico Open Interest (OI) non è conforme a una prospettiva ottimistica. L‘OI è oscillato tra 12,5 miliardi e 9,6 miliardi dal 12 gennaio. Negli ultimi tempi, questo numero è sceso a 11 miliardi ed è in calo dall’8 novembre 2021, suggerendo una mancanza di partecipazione delle balene.

Avrebbe segnalato una prospettiva rialzista se l’OI fosse aumentato mentre il prezzo fosse rimasto calmo. Tuttavia, a causa della mancanza di aumento, la possibilità di un movimento al rialzo rimane contenuta.

A supporto di questa prospettiva c’è il rapporto di leva stimato per il prezzo di Bitcoin. Un rapporto elevato indica che molti investitori stanno negoziando con una quantità assurda di leva finanziaria. Tali condizioni di mercato non supportano una mossa rialzista. Spesso un piccolo picco contro la direzione di questi trader si tradurrà probabilmente in massicce liquidazioni, azzerando il panorama e consentendo a denaro intelligente di posizionarsi long.

Pertanto, i trader di futures devono tenere d’occhio questo grafico poiché indica la possibilità di una mossa di capitolazione. Inoltre, questo indicatore si è sempre arrestato in modo anomalo prima di un’inversione in piena regola; gli arresti anomali di marzo 2020 e settembre 2021 sono ottimi esempi.

Inoltre, il rapporto di leva finanziaria stimato ha raggiunto un nuovo massimo storico di 0,218 il 15 marzo, illustrando ulteriormente la stretta ferita del mercato.

Con le supposizioni degli indicatori on-chain e di mercato, uno scenario ribassista includerebbe il prezzo di Bitcoin che frantuma l’ipotenusa del triangolo ascendente, invalidandola e scendendo per testare nuovamente il livello di supporto settimanale di $ 34.752.

Qui, gli acquirenti hanno un altro tentativo di attivare una rincorsa; tuttavia, una candela giornaliera chiusa al di sotto di essa creerebbe un minimo più basso e invaliderebbe la tesi rialzista. In questo scenario, BTC potrebbe crollare a $ 30.000 o inferiore a $ 29.100 per raccogliere la liquidità lato vendita che rimane al di sotto di essa.

Fonte: fxstreet

Canale Youtube

Scrivi un commento