L’EUR/USD scende verso 1,0700, incombe la decisione della BCE

Giovedì la coppia EUR/USD si è spostata verso 1,0700 durante le ore di negoziazione europee. I trader si astengono dal piazzare nuove scommesse sulla coppia prima delle dichiarazioni politiche chiave della BCE. Anche negli Stati Uniti si attendono dati importanti.

Da un punto di vista tecnico, qualsiasi successivo movimento al rialzo potrebbe continuare fino a formare una forte resistenza vicino all’area 1,0770. È seguito dalla soglia di 1,0800 e da un’importante rottura del supporto della media mobile semplice a 200 giorni (SMA), che attualmente è vicina alla zona 1,0820-1,0825.

Una forza sostenuta oltre quest’ultima potrebbe portare a un rally a breve termine e spingere la coppia EUR/USD verso la cifra esatta di 1.0900, che è in linea con la SMA a 100 giorni. Alcuni acquisti successivi indicheranno che il prezzo spot è un minimo a breve termine e la distorsione si sposterà a favore dei trader rialzisti.

D’altro canto, l’area 1.0710-1.0705 ora cerca di proteggere il ribasso immediato in vista dell’area 1.0685, o il minimo di tre mesi della scorsa settimana. Qualsiasi vendita successiva mostrerà il supporto intermedio a 1,0635 prima che la coppia EUR/USD scivoli ulteriormente verso la soglia di 1,0600.

L’incapacità di proteggere tali livelli di supporto sarà vista come un nuovo stimolo per i trader ribassisti e trascinerà il prezzo spot al successivo supporto rilevante vicino all’area 1,0525 (minimo 8 marzo) in rotta verso il livello psicologico di 1,0500 e da inizio anno intorno a 1.0480. zona colpita nel mese di gennaio.

Giovedì la coppia EUR/USD riacquista trazione positiva, invertendo gran parte dei massimi settimanali del giorno precedente intorno all’intervallo 1,0765-1,0770. Tuttavia, i prezzi di mercato sono in un range familiare dall’inizio di questa settimana mentre i trader attendono la riunione politica della Banca Centrale Europea (BCE) prevista più tardi al Parlamento Europeo.

I mercati speravano in una pausa nello storico ciclo di inasprimento della politica monetaria della banca centrale a seguito del peggioramento delle prospettive economiche nell’Eurozona. Detto questo, un rapporto di Reuters che suggerisce che la BCE potrebbe abbassare le sue previsioni di inflazione per il 2024, ben al di sopra del 3%, ha alimentato la speculazione su un potenziale rialzo dei tassi.

Ma la Commissione Europea ha modificato le sue previsioni di inflazione dal 2,8% al 2,9% per il 2024, sollevando dubbi sulle previsioni di inflazione gonfiate. Pertanto, l’importante decisione della BCE giocherà un ruolo chiave nell’influenzare la percezione della moneta unica e fornire un nuovo slancio politico alla coppia EUR/USD.

Allo stesso tempo, l’emergere di nuove vendite di dollari statunitensi (USD), guidate dall’incertezza sul futuro percorso degli aumenti dei tassi da parte delle banche centrali, è un fattore chiave che agisce come un vento favorevole per la coppia EUR/USD. Non ci sono state sorprese reali dagli ultimi dati sull’inflazione al consumo negli Stati Uniti, garantendo che la Fed manterrà i tassi di interesse stabili durante la riunione politica della prossima settimana.

Il Bureau of Labor Statistics (BLS) ha riferito che l’indice dei prezzi al consumo statunitense è salito al 3,7% su base annua in agosto dal 3,2% di luglio, leggermente al di sopra delle aspettative del 3,6%. Il dato mensile è abbastanza in linea con le previsioni e in quel mese era pari allo 0,6%.

Nel frattempo, l’indice principale dei prezzi al consumo, che comprende voci volatili come cibo e carburante, ha superato le stime di consenso ed è aumentato del 4,3% su base annua ad agosto, dimostrando che l’inflazione è ancora persistente. Ciò, a sua volta, aumenta la probabilità di un altro rialzo dei tassi da parte della Fed entro la fine dell’anno.

In effetti, l’attuale prezzo di mercato mostra una probabilità superiore al 50% di un aumento di 25 punti base a novembre o dicembre, che potrebbe essere ribassista sul dollaro e limitare i guadagni del cambio EUR/USD verso la banca centrale. rischio evento. Pertanto, sarebbe saggio attendere un forte acquisto successivo prima di resistere per un’estensione della recente inversione dal minimo plurimese della scorsa settimana.

Fonte: Fxstreet.com

E’ possibile utilizzare il grafico forex gratis per il Cambio Euro Dollaro, analizzando le tendenze grazie ad indicatori di trading che consentono di migliorare i propri investimenti con la quotazione del petrolio e con il trading forex.

Tra i migliori broker di trading che abbiamo testato ti possiamo consigliare Fineco, eToro, Copy trading ed XTB con la sua ottima sezione formativa. Per chi è nuovo al trading online, una sostanziale spiegazione di cosa sono gli ETF.

Scrivi un commento