PRECIOUS-L’oro scende al minimo da oltre 2 mesi ed il dollaro guadagna

I mercati vedono una probabilità del 37% che la Fed mantenga i tassi di interesse in vigore a giugno.

L’oro ha toccato il minimo dal 17 marzo. I prezzi dell’oro sono scesi al minimo da oltre due mesi martedì mentre il dollaro si è rafforzato sulle speranze di un accordo sul tetto del debito degli Stati Uniti e mentre la Banca centrale d’Islanda si è tirata indietro prima di una pausa negli aumenti dei tassi di interesse che pesano sull’oro che non lo farà consegnare un ritorno a giugno.

L’oro spot è sceso dello 0,3% a 1.937,99 dollari l’oncia alle 0719 GMT, il minimo dal 17 marzo. I futures sull’oro USA sono scesi dello 0,4% a 1.936,80 dollari.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato lunedì di essere soddisfatto delle prospettive del Congresso di approvare l’accordo sul debito che ha negoziato con il presidente della Camera Kevin McCarthy.

Eventi di alta volatilità come la crisi bancaria regionale degli Stati Uniti e se un accordo sull’aumento del tetto del debito degli Stati Uniti sia ora incombente,
“riducendo l’interesse dei mercati per l’oro mentre gli investitori cercano l’alfa”, ha affermato  Michael Langford, direttore del corporate consultivo AirGuide.

D’altra parte, i funzionari della banca centrale sono stati criticati nei giorni scorsi con un atteggiamento da falco nei confronti dei tassi di interesse, che ha in qualche modo compensato il flusso di rifugio sicuro della situazione del tetto del debito negli Stati Uniti. per lingotti a rendimento zero.

“Se un approccio più opportunistico viene adottato più avanti nel corso dell’anno, suggerisce che potrebbero verificarsi alcuni tagli dei tassi, che saranno visti come un freno per le azioni e ridurranno anche il desiderio degli investitori di detenere l’oro date le lezioni apprese da altri per i maggiori rischi di asset .” afferma  Langford.

I mercati stanno ora scontando una probabilità del 37% che la banca centrale manterrà i tassi di interesse in sospeso a giugno.

Le prospettive a breve termine dell’oro sembrano fragili e i prezzi potrebbero spostarsi verso $ 1.892 se non riuscisse a superare i $ 1.940 martedì, ha affermato Christopher Wong, stratega FX di OCBC.

L’argento spot è sceso dello 0,7% a 23,03 dollari l’oncia, mentre il platino è salito dello 0,2% a 1.026,71 dollari. Il palladio è salito dell’1,3% a $ 1.433,63.

Fonte : reuters.com

Scrivi un commento