Ben Armstrong: dopo la vittoria di Ripple il presidente della SEC sarà costretto a dimettersi

La lunga battaglia legale tra la blockchain di Ripple (XRP) e la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti sarà risolta entro la fine dell’anno, ha dichiarato su Twitter il noto sviluppatore di criptovalute Ben Armstrong. Armstrong ritiene che il caso finirà a favore di Ripple e costringerà l’attuale presidente della SEC Gary Gensler a dimettersi.

Il mese scorso, l’avvocato blockchain John E Deaton ha chiesto alla comunità delle criptovalute se SEC contro XRP 2023 sarà “risolto” o “dichiarato il verdetto”. Di tutti i voti espressi, il 59% degli intervistati ritiene che la controversia legale sarà risolta.

Il 2 dicembre 2022, Ripple ha presentato una lunga risposta di 65 pagine all’obiezione della SEC alla mozione per giudizio sommario. Secondo Stuart Alderota, l’avvocato di Ripple, il deposito è l’ultimo passo della società di pagamento blockchain nella sua battaglia legale con la SEC. Quindi ciò che resta è la sentenza finale del tribunale a favore di Ripple.

A partire dal 2020, il regolatore statunitense e gli avvocati di XRP sono stati coinvolti in diversi casi giudiziari. Al centro della controversia c’era l’affermazione del regolatore secondo cui Ripple aveva raccolto più di 1,3 miliardi di dollari nell’emissione non autorizzata di titoli digitali.

Ieri su Twitter, l’appassionato di XRP WKahneman ha fornito una breve panoramica di ciò che offrirà la blockchain di Ripple al momento del lancio. WKahneman ha affermato che Ripple offre tre prodotti: xCurrent per la messaggistica di pagamento, xRapid, che utilizza XRP come valuta ponte e xVia, una soluzione API.

Fonte: Cryptonews.net

Scrivi un commento