Bitcoin destinato a rimbalzare, afferma Ruchir Sharma (Rockefeller Exec.)

L’amministratore delegato e presidente di Rockefeller International, Ruchir Sharma, sostiene che Bitcoin (BTC) è davvero un concetto brillante, ma che è stato distrutto dall’eccessivo fervore speculativo e dal facile accesso al capitale a buon mercato.

Il rimbalzo di Bitcoin è una questione di tempo

Sharma, autrice di bestseller del New York Times ed ex investitore dei mercati emergenti presso Morgan Stanley (MS), ha previsto che bitcoin potrebbe subire un ritorno simile a quello di Amazon. Il valore di Amazon è diminuito di circa il 90% durante il crollo delle dot-com dei primi anni 2000, ma è aumentato di oltre 300 volte nel corso degli oltre 20 anni successivi.

Sebbene Sharma sia d’accordo sul fatto che potrebbero esserci più turbolenze per Bitcoin e il più ampio mondo delle risorse digitali nei prossimi mesi, ciò potrebbe anche servire a rimuovere dal mercato i giocatori deboli. Alcuni affermano che è già accaduto.

Secondo lui, Bitcoin è ancora “preso da questa mania speculativa” e indica ancora un parziale collasso mondiale. Ha sollevato di nuovo l’incidente di Amazon, notando che la società ha impiegato del tempo per riprendersi. Le azioni del e-commerce hanno avuto bisogno di tempo per eguagliare e superare il suo schiumoso livello del 1999.

Il crollo delle dot-com dei primi anni 2000 ha portato a un enorme calo del valore delle azioni di Amazon. Tuttavia, nel corso dei successivi 20 anni, il valore delle azioni poté aumentare di un fattore superiore a 300.

Ha notato:

“Non sono ancora disposto a chiamare il [mercato] più basso su bitcoin e criptovalute. Il regime del mercato ribassista statunitense, che è il motore della propensione al rischio in tutto il mondo, è ancora molto in gioco”.

A seguito del continuo calo delle azioni statunitensi, Sharma ha anche previsto forti cali del Bitcoin e altri asset digitali durante i sei mesi successivi. Ha sottolineato che durante i mercati ribassisti, che continuano per circa un anno, le azioni spesso scendono del 35%. Durante questo mercato ribassista che dura da meno di un anno, l‘S&P 500 è sceso solo del 20%.

La dipendenza dal biglietto verde potrebbe interrompersi

Sharma è a favore di un sistema monetario che non sia dominato dal dollaro USA. Ha detto che sebbene non ci sia stata una valuta in grado di sostituire il dollaro, bitcoin potrebbe essere la soluzione.

“La dipendenza dal dollaro USA, in generale, non può continuare. C’è bisogno di avere un’altra valuta là fuori con qualche esigenza transazionale, che è un po’ più stabile in termini di valore. Tra tre o cinque anni, si spera che BTC emerga come un asset più stabile”.

Sharma ha menzionato anche le mosse della Federal Reserve, dicendo che non prevedeva ancora l’apertura della propensione al rischio.

Fonte: newsbtc

Canale Youtube

Scrivi un commento