Le grandi istituzioni hanno venduto $ 5,5 miliardi in BTC da maggio

L’analista di Arcane Research, afferma che le grandi vendite di BTC delle istituzioni potrebbero essere la causa scatenante del calo del prezzo di Bitcoin da maggio.

da maggio oltre 236,237 BTC, per un valore di 5,452 miliardi di dollari, sono state venduti dalle grandi istituzioni, a causa di vendite forzate.

Un tweet dell’analista Vetle Lunde descrive precisamente come e quando molte istituzioni che detenevano Bitcoin hanno iniziato a vedere i loro stack. Inoltre Lunde afferma che “tutto è iniziato con Do Kwon”.

La Luna Foundation Guard (LFG), che controllava i fondi per il progetto Terra, ha scaricato 80.081 BTC nel tentativo fallito di proteggere il peg della sua stablecoin nativa Terra USD Classic (USTC) a maggio.

Il calo di Terra ha messo sotto pressione alcuni minatori di Bitcoin per la vendita. Lunde ha calcolato che i minatori abbiano venduto 19.056 monete tra maggio e giugno. In alcuni casi, i minatori hanno venduto più della loro produzione mensile, attingendo dalle riserve.

Lunde si è accorto che quando le vendite dei minatori hanno raggiunto un alto livello, anche la Tesla di Elon Musk a venduto 29,060 BTC alla fine del secondo trimestre. Allo stesso tempo, la società di investimento in criptovalute Three Arrows Capital (3AC) aveva una leva finanziaria eccessiva e doveva ai prestatori 18.193 BTC e altre monete equivalenti a 22.054 BTC.

Lunde ha anche aggiunto che un  enorme riscatto di 24.510 BTC ha avuto luogo presso il Canadian Purpose Bitcoin exchange-traded fund (ETF) a fine giugno, “creando ulteriore pressione di vendita di fuoco nel mercato”. Tale rimborso rappresentava il 51% delle partecipazioni di quell’ETF.

Crescita del mercato BTC

Anche se i mercati delle criptovalute hanno avuto un’enorme pressione di vendita da parte delle istituzione in questi mesi, il mercato Bitcoin ha resistito.

I  volumi di scambio sono rimasti più alti anche durante la flessione del mercato del 2022 rispetto al picco del mercato rialzista del 2017. Il 17 dicembre 2017, il volume degli scambi giornalieri di Bitcoin ha raggiunto un picco di ciclo di $ 12 miliardi, mentre il volume giornaliero di luglio 2022 è stato superiore a $ 20 miliardi,  secondo CoinGecko.

 Yongiin Kim, CEO  di  Singapore Presto Labs è d’accordo con Lunde che la liquidazioni di 3AC e altre  società hanno causato il grande calo dei prezzi nel mese di giugno, ma affermato che il prezzo di Bitcoin tornerà a $ 30.000 nei prossimi mesi.

Kim ha affermato che ci vuole tempo prima che gli investitori al dettaglio riprendano fiducia nelle criptovalute dopo tutto questo e che sicuramente gli investitori istituzionali diventeranno di più.

“Penso che il sentimento del retail sia completamente infranto, quindi ci vorrà del tempo prima di ripristinare la fiducia nel mercato. Ma entro la fine di quest’anno ci sarà un’inversione di tendenza per contrastare le liquidazioni”.

Lunde ha concluso il suo thread affermando:

“Tendo a propendere per la vendita forzata e l’incertezza legata al contagio per ora. Probabilmente crolleremo, pomperemo e scaricheremo in condizioni instabili nel prossimo periodo”.

Fonte: cointelegraph

Canale Youtube

Scrivi un commento